SINGAPURA: IL MINI GATTO

Singapura

Aspetto e caratteristiche: è un gatto ancora poco conosciuto in Italia, di dimensioni ridotte e a pelo corto. La testa è arrotondata con il muso ampio e smussato, collo corto e largo, zigomi pronunciati e naso piccolo e quadrato. Il corpo è di taglia medio piccola,minuto, compatto ma muscoloso. Gli occhi sono a mandorla, aperti luminosi e brillanti, possono essere nocciola, verde dorato o giallo oro evidenziati dal bordo scuro della palpebra e da un’area chiara che li circonda. La coda è leggermente più corta del corpo, snella, ma non eccessivamente sottile con la punta smussata. Le zampe sono robusta ma non massicce, più assottigliate verso il fondo. Il mantello è aderente al corpo, fine e corto,ma non troppo,compatto e morbido come seta. Il colore perfetto è l’avorio con tigrature ben disegnate su faccia e zampe a forte contrasto.

Storia e origini: originari dell’isola di Singapore, da cui il nome, furono scoperti casualmente nel 1971 da Tommy e Hal Meadow, due americani che li incontrarono durante una vacanza nel luogo. Dopo essere rimasti affascinati da questi particolari felini, totalmente ignorati dagli isolani che li ignoravano totalmente, decisero di esportarne alcuni esemplari e dopo averli incrociati con il Burnese dettero il via ad un allevamento della razza Singapura, che fu riconosciuta nel 1982.

Attitudini: è un’animale sereno ed equilibrato, ha bisogno di molte coccole e attenzioni, ben disposto verso i suoi coospecifici ed etero specifici (umani e non). Detesta la solitudine e la sua grande ambizione è di dividere il letto e la maggior parte del tempo possibile con il suo padrone. Non fatevi però ingannare dal suo aspetto docile e innocuo, in un attimo, infatti, sarà capace di trasformarsi in un agile e fulmineo cacciatore, quindi fate attenzione a non lasciare incustodite pentole di cucina o borse della spesa.

Fonte: 4 zampe mensile