IL GATTO NORVEGESE DELLE FORESTE

Il gatto norvegese delle foreste

Aspetto e caratteristiche:  Il corpo è di media lunghezza,robusto ma non grasso, struttura ossea solida, muscolatura forte e tonica. Le zampe sono lunghe e forti,muscolose e più robuste nella parte inferiore,con piedi grandi e arrotondati con ciuffi di pelo tra le dita. La coda è lunga e ben fornita di pelo,ampia alla base,si assottiglia gradualmente fino alla punta.Testa: La testa ha la forma triangolare, con fronte leggermente arrotondata e profilo diritto; il naso è largo e senza stop, il collo è breve, largo e vigoroso. Orecchie: Le orecchie sono di medie dimensioni, con le punte arrotondate, piazzate alte sul cranio e ben distanziate con ciuffetti di pelo “tipo lince” e lunghi peli che ne fuoriescono. Occhi: espressivi,grandi e distanziati,ben aperti ma non rotondi con l’angolo esterno leggermente allungato, in tutte le sfumature del verde,del nocciola o dorati. Il mantello doppio e semilungo, con sottopelo lanoso coperto da peli lunghi, grossi e idrorepellenti. Più corto sulle spalle, diventa fluente lungo i  fianchi e nella ricca collaretta. Per quanto concerne i colori sono tutti ammessi tranne il colourpoint, lilla e cioccolato. Le varietà più comuni sono tabby marrone,silver, marrone e bianco,cioè quelli che aiutavano il gatto a mimetizzarsi nell’ambiente circostante,quando viveva allo stato selvatico.

Storia e originiSi suppone che gli antenati del Norvegese delle Foreste (il nome in norvegese è Nork Skaukatt) siano esemplari a pelo lungo trovati in Turchia (probabilmente simili a quelli che oggi chiamiamo Angora Turco) e portati in Scandinavia dai navigatori vichinghi intorno al IX secolo d.C.Molti documenti attestano che gatti a pelo lungo e con folta coda frangiata vivevano nelle foreste norvegesi da tempo immemorabile: si trattava probabilmente degli antenati degli attuali Norvegesi delle Foreste. Avvicinati dall’uomo, sono diventati frequentatori abituali delle fattorie, dove si resero utili nella caccia ai topi e agli altri animali molesti.La loro storia è ricca di leggende, legate tutte al popolo dei Vichinghi, che usavano tenerli in casa, o comunque vicini alle loro abitazioni, e che li portavano con loro sulle navi per cacciare i topi.Alcune leggende norvegesi raccontano che Freyja, dea dell’amore e della fertilità, vagasse per il mondo su un carro trainato da due grossi gatti dal pelo lungo cercando il suo consorte Óðr, e anche che Thor, dio del tuono, fu sottoposto ad una prova di forza che consisteva nel sollevare un grosso gatto. Le prime citazioni storiche cominciano nel 1559 quando il sacerdote e naturalista danese Peter Clausson Friis, allora residente in Norvegia, divise le linci norvegesi in tre classi: la lince-lupo, la lince-volpe e la lince-gatto.La prima presentazione ufficiale a una mostra felina risale al 1912, data dopo la quale è stato svolto un lungo lavoro di selezione per stabilizzare lo standard di razza, riconosciuto a livello internazionale, dopo una serie di complicazioni, nel 1977.Oggi viene allevato in molti paesi, ma ne esistono ancora esemplari che vivono allo stato selvatico.Nonostante le rigide temperature delle regioni nordiche, infatti, il pelo dei gatti norvegesi permette loro un buon isolamento dal freddo.

Attitudini: L’indole è tendenzialmente socievole e pacifica, anche se, all’occorrenza, il norvegese sa essere vivace e attivo. Nonostante le sue grosse dimensioni, si adatta facilmente alla vita domestica, ma è necessario comunque dargli la possibilità di sfogare in qualche modo le sue molte energie. La sua passione è l’arrampicata, e gioca (specie “alla caccia”, con topini finti, in mancanza di quelli veri) fino a tarda età.Intelligenti e affettuosi sia con gli adulti che con i bambini, creano un legame particolare con un membro della famiglia. Raramente danno problemi di convivenza con il cane, ma dato lo spiccato istinto territoriale, sono difficili le convivenze tra maschi; problemi inesistenti nel caso in cui si tratti di soggetti sterilizzati o femmine.

Fonte: Mensile 4 zampe e www.petpassion.tv